B corp logo
B corp logo
Strategie di mitigazione del rischio sismico e idrogeologico - Il rischio sismico e la ricostruzione: modelli virtuosi
Calamità e disastri sono diventati una costante dei nostri tempi. I dati analizzati e i possibili scenari futuri mostrano che fenomeni naturali con un alto potenziale distruttivo saranno sempre più frequenti. Il ripetersi ciclico di un evento calamitoso e la progressiva e inconsapevole rimozione della sua memoria storica aumenta la tendenza a trascurare lo studio e l'applicazione delle necessarie misure preventive. Le azioni da seguire per la riduzione dei rischi di catastrofe devono essere articolate su più livelli, è necessario pensare a strategie di intervento che si concentrino sulla mitigazione del rischio e sulla riqualificazione e rivitalizzazione urbana, sociale ed economica.
5h | 2 Moduli | 200 WePoints

Architetti

Geometri

A Il rischio sismico in Italia. Dal Belice ad Amatrice: buone e cattive pratiche della ricostruzione
L’analisi dei terremoti italiani, dal Belice al Centro Italia, offre una panoramica delle azioni messe in atto in 50 anni di terremoti nei quali spesso sono state privilegiate soluzioni rigide e specifiche legate alla contingenza invece di quelle volte al miglioramento prestazionale del sistema, con particolare attenzione agli aspetti governabili. La questione della governabilità, legata ai fattori di esposizione e vulnerabilità, deve rimandare a strumenti della pianificazione incisivi che prevedano effetti a medio e lungo temine. Per questo è fondamentale intervenire a sostegno dell’economia locale attraverso un rapporto attivo con il territorio e la comunità.
12 Lezioni
keyboard_arrow_down
A.1 L'importanza del tema: dal fenomeno al disastro
A.2 Il rischio sismico. Pericolosità, vulnerabilità ed esposizione
A.3 Il rischio sismico in Italia
A.4 Valutazione del Rischio Sismico. Pianificazione e gestione dell'emergenza
A.5 Prevenzione del rischio sismico delle aree urbane
A.6 Strategie di mitigazione del Rischio Sismico
A.7 Il terremoto del Belice
A.8 Il terremoto del Friuli
A.9 Il terremoto dell'Irpinia
A.10 Il terremoto de L’Aquila
A.11 Il terremoto del centro Italia
A.12 Diagnosi comparativa dei casi studio e linee guida per la valutazione degli interventi ex ante ed ex post
Test di verifica di fine modulo A
B. Il rischio sismico in Cile. Da Valdivia al Cile centrale: le buone pratiche della ricostruzione
Il modulo intende analizzare il rischio sismico e le relative pratiche di ricostruzione partendo dall'analisi del Cile con riferimento al territorio che va dal Valdivia al Cile centrale.
8 Lezioni
keyboard_arrow_down
B.1 Il Rischio sismico in Cile
B.2 Valdavia 1960, il "grande terremoto cileno"
B.3 Studi di microzonazione sismica della regione de Los Rios
B.4 Il terremoto del Cile centrale del 2010
B.5 Architettura dell'emergenza
B.6 Strategie progettuali per insediamenti temporanei post emergenziali
B.7 Sistemi di gestione dell'emergenza e strategie di mitigazione del rischio
B.8 Dalla resilienza alla rigenerazione urbana. L'esperienza cilena come modello virtuoso di ricostruzione partecipata
Test di verifica di fine modulo B

Codice corso CNAPPC

Codice corso CNGeGL